Ama

Chi vuole venire con me, me n’è vado verso il mare. Oppure la montagna non so, in ogni caso il risultato che ottengo è lo stesso. Sì lo so che è una giornata fredda ma solo in quei luoghi di pace troverò ciò che sto cercando. Devo comprendere che è inutile soffrire, devo ricominciare a vivere.

Sia la montagna, sia il mare dopo una giornata tempestosa, anche se inizialmente posso incutermi timore mi stanno insegnando che tutto si placa e tutto ricomincia. Basta tormenti al cuore, all’anima, al pensiero. È giunto il momento di aprire di nuovo le ali  e spiccare nuovamente il volo. Perché solo toccando il fondo posso ridarmi la spinta per volare ancora più in alto.

È vero il male esiste, ma se lo lascio nel mio cuore diventa un veleno ancora più pericoloso. Quindi spazzò via questo male, lasciando che il mio cuore percorra solo la strada che porta alla felicità.

Ora che sono arrivato a sollevarmi da terra, devo farmi spingere dal vento e devo salire ancora più in alto, seguire quel canto naturale che c’è nella vita. Non devo fare paragoni con le degli altri, esse sono storie diverse dalla mia diversi sentieri, ma tutti vanno in un unico luogo chiamo felicità. Un luogo dove, anche una singola vocale e una singola consonante, compongono una delle parole più belle. AMA

Questa voce è stata pubblicata in Letteratura. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.