Bontà cattiveria, felicità tristezza

Quanta bontà, cattiveria, felicità o tristezza, dovrei avere. Non vorrei più perdermi, non voglio piangere per aver dato un aiuto, ed avere preso calci in viso. Nessuno pensa di averne bisogno, di quel aiuto dato spontaneamente.

Per i vecchi amici ero solo un’abitudine, ma avevo bisogno di loro come ho bisogno di TE ora, come non mai

Intorno a me è tutto uno scintillio. Sarà!

Ma con tutto questo oro, non si compra la felicità, quando ero annoiato, facevo voli pindarici, immaginando di cavalcare cavalli selvaggi. Non mi era possibile controllare questo mio essere solitario e sognatore

Ora ti stai prendendo cura della mia anima, stai riempiendo la mia anima, quanto volerò in alto, vero, ma quanto ero caduto in basso.

Ero solo, mi hai preso e fatto spiccare il volo, devi avere, un potere magico, per avermi cambiato in meglio

Ora vorrei prendere io la tua anima ed accarezzarla, dirle parole dolci. È per la mia vita per cui stai tu stai lottando, ed io ero come chiuso all’angolo e non riuscivo a vedere il bello della vita.

Ora so che un giorno mi alzerò e ti cercherò, finché avrò respiro in corpo, questo non è un sogno che sta perdendo il suo splendore, anzi lo sto alimentando con il mio amore per TE

Vorrei che nessuno sia al tuo fianco, tranne me, egoismo, non credo, è amore allo stato puro che mi fa parlare così. Quando scenderà la pioggia, ed mi sentirò triste, non crederò più che sto perdendo la testa, perché nei miei pensieri ci sarai TU.

Così saprò verso chi andrò, non mi nasconderò più, sotto un cuscino, saprò allora che non basterà tutto l’oro del mondo per tenermi al caldo, perché l’amore è la cosa più preziosa che avrò, e che mi scalderà il cuore quando avrò freddo.

Vero avrò notti solitarie, perché non sarai accanto a me, ma so che in qualche parte del mondo ho una donna che mi ama…….

Grazie a TE

Questa voce è stata pubblicata in Letteratura. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.