Nel mezzo del cammin della mia vita

La vita è un viaggio, ove siamo tutti diretti verso la nostra casa madre.

Tutti sono in viaggio, dalle persone mansuete ai cuori irrequieti del mondo, tutti cercano tutti le sono diretti verso la strada di casa.

È difficile descrivere cosa provavo allora.

Beh mi vedevo camminare per giorni dentro un tornado di fuoco e non mi accorgevo che stavo camminando in tondo.

Mi sentivo le gambe pesanti, per la fatica che facevo, per la strada che ho fatto. Nessuno e dico nessuno mi sentiva, nonostante io gridassi.

Ho sentito la sensazione di essere piccolo piccolo e molto lontano dal luogo che chiamavo casa.

Casa! Una casa, prima di essere un luogo, è uno spazio che ci portiamo dentro.

Una forma fisica, che abita nel nostro cuore da tempo immemore.

La casa, è un corpo metafisico ideale che ci contiene e ci accoglie, ci manifesta e ci protegge.

La casa non è solo il luogo reale che quotidianamente amiamo e odiamo, quel luogo dove siamo sospesi fra protezione e avventura, riconoscimento e libertà.

La casa è una forma di desiderio che dorme nei nostri più reconditi pensieri e si accende al suono di una parola, al balenare di un gesto.

E la bufera….

…Quella sta solo nella mia testa o come dice il poeta Dante

Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai in una selva oscura, che la diritta via era smarrita.

Ora finalmente ho ritrovato la dritta via, ma nel posto più improbabile che potevo immaginare.

Questa voce è stata pubblicata in carezze dell'anima. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *